Archivi categoria: Arezzo

Il sole

Il sole.

Il sole è caldo.

Lo senti sulla pelle, lo senti attraverso i vestiti. Ti fermi un attimo, respiri, a bocca aperta, profondamente.

Il sole ti impedisce anche la visone, accecandoti. A poco serve la mano tesa sopra la fronte. Oggi picchia veramente duro. Chissà come mi è presa la voglia di andare a Solata? Da San Leolino potevo andare alla fraschetta e scendere giù verso Le Mura e da li decidere se girare verso Tontenano o verso il Fornello, ma no, mi son detto: “Vado a Solata” e così ho fatto.

il sole

Giunto a Poggio al Fattore potevo scendere verso Ristolli e risalire il borro di Solata fino alla strada da Cennina, ma ho preferito andare lungo costa, seguendo la vecchia strada Romana fino al cimitero di Cennina. E una strada molto panoramica, anche quella coperta da alberi e rovi. Si incontrano corbezzoli stupendi. A volte i grossi massi laterali sono scavati in rivoli e buche che rendono unica e bellissima la loro conformazione superficiale, apprezzata anche dalle lucertole e dalle serpi che loro si, si godono il sole di questa torrida giornata.

Anche i tafani sono felici oggi

Un grosso mammifero sta transitando nella loro area di caccia.

il sole

Mi seguono, mi precedono, posandosi ogni tanto sulla mia pelle, sulla mia maglia, tra i miei capelli. Specialmente se mi fermo, mi sono subito addosso.

I tafani sono protetti, non possiamo schiacciarli, come sarebbe facile dopo che hanno punto e succhiano estasiati il tuo sangue. Allora non li devi far posare, li dei scacciare, devi camminare veloce, perché ti rincorrano involo ma non si buttino sulla preda.

il sole

E sudi, sudi così tanto che altri tafani arrivano famelici. Maledici ancora l’idea di andare a Solata.

Come ho potuto pensarlo.

Intanto raggiungo il bivio.

Devo decidermi salita fino a Solata o discesa fino a Tontenano?

Ci penso. Non troppo .

Giù a valle verso casa.

Giancarlo

Fifty fifty

Loading
Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti

Fifty fifty

Dal 19 al 29 novembre 2017 l’Atrio d’onore della Provincia di Arezzo, con entrata da via Ricasoli 44/46, ospita “Fifty Fifty”, concorso e mostra collettiva di pittura promossa dal Cenacolo degli Artisti Aretini.

L’esposizione, sponsorizzata da Mastro Artista e patrocinata dalla Provincia di Arezzo, sarà visitabile – a ingresso libero e gratuito – tutti i giorni dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30. Domenica 19 novembre, alle ore 16, l’inaugurazione della mostra e la proclamazione dei vincitori.

 

Fifty Fifty

Fifty fifty

Una quarantina di opere.

Rigorosamente 50 cm per 50 cm.

(clicca l’immagine per ingrandire)

fifty fiftyUna premiazione, con pubblico, presidente, giuria tecnica ecc. ecc.:

Giancarlo

Arezzo notizie

Corriere di Arezzo

Il Cenacolo degli artisti aretini

Mastro artista

 

video

Alla filanda

A Loro Ciuffenna

Alla filanda mostra di opere d’arte contemporanea, opere da studio.

Nella splendida cittadina Valdarnese, accanto al Ciuffenna che passa dentro il paese, c’è una vecchia filanda, ormai adibita a polo espositivo.

Un bellissimo luogo per esposizioni.

Vi si sta svolgendo, dal 2 al 12 Novembre 2017, una interessantissima esposizione.

Giudicate voi:

Opere esposte:

Inoltre potrete ammirare le

Creazioni di Aldo del Vita:

Qualcosa dei bambini:

e della bambina:

Anche come giuria popolare, votate e determinerete il vincitore.

Alla filanda

Mi raccomando andate a vedere anche la mostra, non costa niente, ma vale molto.

I quadri visti dal vivo sono molto meglio.

Qui potete ingrandirli cliccandoci sopra.

Più su ho detto andate a vedere anche la mostra perché se ci andate po potrete anche visitare la pieve di Gropina, che è a due passi dal centro abitato di Loro.

E potrete vedere il ponte sul Ciuffenna o le tante altre chicche di Loro, tutte da non perdere.

Loro Ciuffenna fa parte de “I Borghi più belli d’Italia“.

Alla filanda

Giancarlo

Quarantesimo anniversario del diploma della V-B Chimica

Quarantesimo anniversario del diploma della V-B Chimica. Il Santerello (Sinalunga) 17 Luglio 2017.

V-B Chimica

Anno scolastico 1976-77 Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei Arezzo. La classe V-B Chimica iniziava gli esami di Stato. Un pugno di ragazzi stava raggiungendo l’agognata maturità che puntualmente arrivò.

Ci siamo ritrovati dopo quaranta anni, oramai uomini maturi. Qualcuno si era già rincontrato prima. Erano state fatte alcune cene. A questa volevamo esserci tutti. Purtroppo non ci siamo riusciti neanche a questa. Non eravamo tutti, alcuni per problemi in famiglia altri per la lontananza, altri…

Ma c’era Francesco. Mitico professore che ci ha condotto per mano nella conoscenza della chimica e della vita.

Poi c’era Claudio, fantastico padrone di casa. Che con Fabiana ci ha permesso di riuscire ad organizzare questo incontro.

Quindi, in ordine alfabetico:

Alessio, Alberto, Antonio L., Antonio M., Attilio, Enrico, Claudio, Giancalo A., Giancarlo C., Fulvio, Roberto, Sandro, Sergio

Mi son scordato nessuno?

Scrivetemelo nei commenti, correggo subito.

Le immaginette più sotto, con un click diventano belle grandi. Se cliccate sulla nuova immagine ingrandita, questa cresce ancor di più.

Le foto fatte da me:

V-B Chimica

Ecco quelle di Claudio:
vb claudio Claudio

Eccole foto di Alberto:

V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto V-B Alberto

Le foto di Roberto:

Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto Roberto

Poi la foto di Sergio:

V-B sergioLe foto di Giancarlo C.

V-B Giancarlo C V-B Giancarlo C V-B Giancarlo C V-B Giancalo C.

Foto inviate da Calamuss (ma chi è????)CalamussCalamussCalamuss

Infine le foto da Melilli di Angelo:

Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo Angelo

 

Video a gogò

Altri fuochi di Sergio:

Allora V-B!

Ci incontreremo ancora? Verranno anche gli altri? Dobbiamo farlo! Dobbiamo riuscirci. Abbiamo fior fiori di intelligenze in questo gruppo. Non può finire qui. Vediamo se germoglia qualcosa da questo primo round.

Io ho fatto delle foto. Non sono un granché. Non sono di tutti.

Se riuscite fatemi avere le vostre. Magari posso venire direttamente io a prenderle. Se ci mettiamo d’accordo. Sono spesso in giro e magari riesco a passare con una chiavetta USB. Ne ho sempre qualcuna dietro. Se me le fate avere, le inserisco qui. Questa pagina potrebbe essere un album per le nostre foto a cui tutti possono accedere. Quando vogliono, come vogliono. Da qui le foto si scaricano bene. Non ho usato la risoluzione massima per permettere l’accesso e l’utilizzo delle foto da telefonino, ma se volete posso caricarle anche alla risoluzione massima, servisse di stamparle o altro.

Ecco un’altra maglietta consegnata a Franco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi aspetto

Giancarlo

 

Bucine in fiore, anche l’arte vuole la sua parte

Bucine in fiore

Bucine in fiore è stato anche arte, tanta arte.

Patrizia Petracchi esponeva alcune sue opere.

Bucine Anche Bandinelli Alessandra ha esposto qualcosa di interessante.

Collettiva di artisti di Montevarchi Arte non è stata da meno, esponendo opere di pregiata fattura..

Confidando sia stato di vostro gradimento.

Giancarlo

 

Il roseto Fineschi. Giardino botanico privato, situato a Cavriglia Arezzo.

Primavera 2017

Il roseto Fineschi è un giardino botanico privato, situato a Cavriglia in provincia di Arezzo. Vi sono presenti innumerevoli specie di rose, tutte accuratamente catalogate che nei mesi di Maggio e Giugno risplende nella fioritura delle sue piante.

In Aprile si può ammirare la fioritura delle rose antiche.

Il roseto può essere visitato seguendo percorsi specifici o random, seguendo l’istinto e la visione dei fiori.

In entrambi i casi se ne esce migliorati e rinfrancati.

Il roseto inizia, abbiate pazienza sono molte foto.

10 Un pavone c’entra poco con il roseto, ma c’era, ed è molto bello.  

30   40

50

60

70 90 100 120  

140 160 180 200

220

240 260 280 300

320 340

Giancarlo

Moore, i paradossi di Levane e dei Levanesi

Il paradosso di Moore

Something more about Moore paradox.

Marco abita a Levane.

Moore

Levane è una ridente cittadina in provincia di Arezzo, suddivisa tra i comuni di Montevarchi e Bucine vicina a Terranuova Bracciolini, Laterina e Pergine Valdarno.

Marco, qualche anno fa abitava nella parte di levane sotto giurisdizione del comune di Montevarchi, ma lui pensava di essere di Pergine, perché a Pergine aveva la residenza anagrafica, anche se stava a Levane in quel di Montevarchi con i genitori. Non posso dire se fosse veramente Montevarchino o Perginese so che non era di Bucine, non gli avrei mai dato del Bucinese, come userei per me, che sono nato e cresciuto a Bucine.

Ora

Ora è successo che Marco ha lasciato la residenza di Pergine e, non volendo rimanere in casa con i genitori, ha optato per comprarsi una casa. Non molto lontano da quella dei suoi cari. Una casa dignitosa che gli permette una certa autonomia, insomma che gli consente di vivere da solo. Se gli va di ospitare le ragazze può farlo. Se la relazione, con una di queste, divenisse più solida può permettergli di conviverci o di sposarla. Insomma è un posto suo, che gli consente di vivere la sua vita da adulto indipendente.

Il caso ha voluto che la nuova casa fosse ubicata nel comune di Bucine. Marco è diventato Bucinese.

Credo

Credo che Marco non si consideri ancora Bucinese, nato e cresciuto com’è nella parte Montevarchina di Levane. Oppure per essere stato tanto tempo residente a Pergine. Comunque non ci sarebbe niente di strano se lui, adesso, si dicesse Bucinese. Adesso, che vive a Bucine. Quindi è normale dire che: “Marco vive a Bucine e si sente Bucinese” e sarebbe altrettanto logico e normale asserire che: “Marco, che vive a Bucine, non si sente Bucinese”. Comunque vivendo a Bucine può ben dirsi Bucinese a tutti gli effetti, senza contraddizioni.

Ma io la penso in maniera diversa, forse paradossale: “Marco è Bucinese, ma io non ci credo”.

Giancarlo

mooreAltri articoli simili:

http://bucine.altervista.org/il-paradosso-di-berlusconj/

http://bucine.altervista.org/paura-dei-levanesi/

http://bucine.altervista.org/ufo/

http://bucine.altervista.org/elogio-dellonnipotenza/

http://bucine.altervista.org/pane-pasta-e-patate/

http://bucine.altervista.org/peter-andiamo-a-firenze/

http://bucine.altervista.org/metti-una-sera-a-cena/

http://bucine.altervista.org/questo-post-contiene-almeno-un-errore/

http://bucine.altervista.org/un-esame-a-sorpresa/

http://bucine.altervista.org/il-barbiere/

http://bucine.altervista.org/i-presocratici/

Abitanti, parliamo degli abitanti del valdarno.

Musica all’HB, Il reportage della serata.

Musica all’HB

Musica all’HB

Francesco Verdi voce e chitarra ritmica, Marco Dainelli chitarra, Damasco Xxx tastiere, Giovanni Baglioni basso, Mattia Alberto Righeshi batteria, Michele Bellini voce aggiunta.

Venerdi 9 Dicembre all’HB di Terranuova Bracciolini, che spettacolo, uno dei meglio negli ultimi anni.

Son stato fantastici.

Ecco la band:

Musica
Francesco Verdi, chitarra acustica e voce.
Musica dsc_0617a
Michele Bellini voce aggiunta.
Musica dsc_0605a
Marco Dainelli, chitarra.
Musica dsc_0609a
Mattia Alberto Righeschi, batteria.
Musica dsc_0587a
Damasco Xxx (il nome me lo ha detto ma non lo ricordo più, che siano i fumi della birra?), tastiere.
Musica dsc_0772a
Giovanni Baglioni, basso.

Anche tutta assieme.

quintetto5_lzn-1
I magnifici 5
image00002
Il front del palco.

Ora alcune foto della serata.

Godetevele.

dsc_0482_lzn dsc_0483_lzn dsc_0485_lzn dsc_0485_lzn-1 dsc_0487_lzn dsc_0489_lzn dsc_0496_lzn dsc_0499_lzn dsc_0503_lzn dsc_0508_lzn dsc_0510_lzn dsc_0511_lzn dsc_0517_lzn dsc_0518_lzn dsc_0523_lzn dsc_0525_lzn dsc_0526_lzn dsc_0528_lzn dsc_0530_lzn dsc_0531_lzn dsc_0534_lzn dsc_0541_lzn dsc_0542_lzn dsc_0551_lzn dsc_0555_lzn dsc_0557_lzn dsc_0562_lzn dsc_0564_lzn dsc_0576_lzn dsc_0577_lzn dsc_0580_lzn dsc_0581_lzn-1 dsc_0582_lzn dsc_0583_lzn dsc_0584_lzn dsc_0585_lzn dsc_0587_lzn dsc_0588_lzn dsc_0590_lzn dsc_0591_lzn dsc_0593_lzn dsc_0594_lzn dsc_0595_lzn dsc_0596_lzn dsc_0597_lzn dsc_0601_lzn dsc_0602_lzn dsc_0604_lzn dsc_0610_lzn dsc_0611_lzn dsc_0617_lzn dsc_0624_lzn dsc_0625_lzn dsc_0630_lzn dsc_0632_lzn dsc_0640_lzn dsc_0642_lzn dsc_0647_lzn dsc_0649_lzn dsc_0657_lzn dsc_0664_lzn dsc_0665_lzn dsc_0667_lzn dsc_0669_lzn dsc_0673_lzn dsc_0675_lzn dsc_0676_lzn dsc_0678_lzn dsc_0680_lzn dsc_0683_lzn dsc_0684_lzn dsc_0685_lzn dsc_0686_lzn dsc_0691_lzn dsc_0692_lzn dsc_0696_lzn dsc_0703_lzn dsc_0705_lzn dsc_0706_lzn dsc_0708_lzn dsc_0709_lzn dsc_0710_lzn dsc_0711_lzn dsc_0715_lzn dsc_0721_lzn dsc_0729_lzn dsc_0730_lzndsc_0729_lzn dsc_0732_lzn dsc_0733_lzn dsc_0735_lzn dsc_0737_lzn dsc_0738_lzn dsc_0739_lznE poi non c’è che da prendere una birra o un caffè e la serata scorre via veloce come un treno.

Se volete ingrandire le foto cliccateci sopra le otterrete ad altissima risoluzione. Potrete farci poster santini e quant’altro.

é il miglior reportage fotografico dei Vintage mai fatto.

Approfittatene tutti.

Giancarlo

Laterina estemporanea di pittura

Laterina 4 dicembre 2016

Laterina, è un paese in provincia di Arezzo, domenica scorsa vi si è svolta un’estemporanea di pittura.

Un po di foto dello svolgimento della manifestazione organizzata da Montevarchi arte.

Laterina dsc_0263_lzn
Laterina

Un po di foto dello svolgimento della manifestazione organizzata da Montevarchi arte.

Laterina dsc_0266
Paesaggio verso sud, arrivando da sotto le mura.
Laterina dsc_0268
Arrivati.
Laterina dsc_0269
Ho deciso faccio questo scorcio caratteristico.
Laterina dsc_0271_lzn
Fotografi e prendingiristi. Gireranno Laterina per riprendere immagini della fasta che saranno poi scaricate in un file multimediale in visione pubblica.
Laterina dsc_0276_lzn
Non è poco, se ne vanno.
Laterina dsc_0278_lzn
Forse…
Laterina dsc_0280_lzn
Mettiamo subito le cose nero su bianco.
Laterina dsc_0281_lzn
Oggetto e soggetto, sullo sfondo.
Laterina dsc_0282_lzn
…già buono…
Laterina dsc_0283_lzn
anche il mio prende forma…
Laterina dsc_0286_lzn
lo stoico Gianni Mori al lavoro, vedrete, è sempre li.
Laterina dsc_0288_lzn
meglio a colori
Laterina dsc_0287_lzn
… o in B&N?
Laterina dsc_0291_lzn
un colore e B&N
dsc_0292_lzn
o un altro colore
Laterina dsc_0293_lzn
quasi seppia

dsc_0294_lzn

Laterina dsc_0296_lzn
Maximilian Ciccone al lavoro
Laterina dsc_0297_lzn
Lei si vede poco ma colora bene

dsc_0299_lzn

dsc_0300_lzn
Il pittore della porta accanto
dsc_0300_lzn Il pittore della porta accantodsc_0302_lzn Amicidsc_0301_lzn
La porta accanto

Laterina 0302_lzn

Laterina dsc_0303_lzn
la festa
Laterina dsc_0306_lzn
cesti natalizi

 

Laterina dsc_0362_lzn
Giochi di bimbi

Finalmente l’arte

Laterina dsc_0363_lzn
Che succede?
Laterina dsc_0364_lzn
Max al posto di Gianni?
Laterina dsc_0365_lzn
Ah No!, Un effetto ottico.
dsc_0370_lzn
Ma a questo dipinto non ci lavora nessuno?
dsc_0369_lzn
qui si sta facendo qualcosa
dsc_0371_lzn
ehi, Ciccone è ovunque
dsc_0395_lzn
Lei è molto brava
Laterina dsc_0396_lzn
chi sarà
dsc_0404_lzn
di dietro

dsc_0376_lzndsc_0378_lzndsc_0390_lzndsc_0397_lzndsc_0398_lzndsc_0406_lzndsc_0417_lzndsc_0421_lzndsc_0422_lzndsc_0438_lznSe ci riesco rendiconterò anche della premiazione domenica prossima.

 

Giancarlo

Estemporanea del Pellegrino, Rigutino, Arezzo.

Rigutino.

Estemporanea del pellegrino, si è svolta il13 Novembre, a Rigutino, Arezzo.

Ora dovete sapere che in località la Sassaia, c’è bellissima pieve, detta anche pieve di Rigutino, dedicata a San Quirico e Giulitta.

Estemporanea del Pellegrino dsc_0091_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0092_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0093_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0094_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0102_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0103_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0114_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0116_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0119_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0122_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0130_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0131_lzn Estemporanea del Pellegrino dsc_0128_lzn Rigutino è famosa perché il Il 14 maggio 1799 vi si svolse il combattimento fra popolani aretini e soldati polacchi, comandati dal celebre generale Jan Henryk Dąbrowski passato alla storia come Battaglia di Rigutino.

Da Rigutino si passa per andare al monte Lignano, sede in un parco e di uno zoo. Per salire al parco si passa davanti alla pieve di Rigutino, in località la Sassaia. Li è posto il rifugio dello spirito “Pieve la Sassaia”  XI secolo, Albergo del pellegrino, che da rifugio a chi ha bisogno, il gestore Giovanni, per questo fa quel che si può e si deve.

Estemporanea del pellegrino dsc_0135_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0139_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0138_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0137_lznGiovanni si riconosce da lontano, la croce rossa, tipica dei Templari, spicca sulla casacca bianca. Giovanni, a parte l’aspetto guerriero, non sembra pericoloso, anzi Giovanni preparerà il pranzo per i pittori infreddoliti. Un pranzo ricco e buonissimo. Nell’intervallo tra la pasta all’Amatriciana e la tagliata con i fagioli, recita una poesia, per ritemprare anche lo spirito e riattivare il pensiero. Volendo consultarla ed avendo il tempo necessario per farlo, Giovanni ha un fornita biblioteca, a cui attingere. Ma il pomeriggio dobbiamo continuare a dipingere, farlo è più duro che al mattino, il freddo non è intenso ma si fa sentire, continuo, si fa proprio sentire.

La giornata finisce senza vinti ne vincitori, senza competizione, senza premi. Ci facciamo una bella foto tutti insieme con i dipinti.

Estemporanea del pellegrino dsc_0141_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0165_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0160_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0159_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0158_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0155_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0154_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0153_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0152_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0151_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0150_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0149_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0147_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0146_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0145_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0144_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0143_lzn Estemporanea del pellegrino dsc_0142_lzn

Abbiamo  vinto tutti, siamo stati bene insieme, abbiamo fatto nuove amicizie, ci siamo ritemprati lo spirito ed il corpo e abbiamo passato un giorno intero in un posto magnifico, tra uliveti e cipressi, che la nebbia della mattina non ci ha fatto che intravedere.

Una bellissima estemporanea del Pellegrino, da ripetere ancora.

Giancarlo